Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

La parola acquedotto deriva dalle parole latine aqua che significa acqua e ducere che significa condurre. Un acquedotto è quindi meglio descritto come una struttura artificiale come un canale, un tunnel o un fossato, che viene utilizzata per trasportare l'acqua da un luogo remoto a un altro.

I primissimi acquedotti furono costruiti da antiche civiltà come quelle di Babilonia, Assiria ed Egitto. Questi primitivi acquedotti furono costruiti semplicemente come canali aperti scavati tra un fiume e la città. I più famosi ingegneri di acquedotti tra tutte le civiltà antiche erano però i romani. In un periodo di 500 anni i romani costruirono circa 11 antichi acquedotti che ha alimentato l'approvvigionamento idrico della loro capitale e ne ha costruite molte altre in tutto il loro impero.

10. Tambomachay

https://maps.google.com/?ll=-13.480833,-71.964722&z=18

(VEDI MAPPA)

Soprannominato il "Bagno degli Inca", Tambomachay è un sito archeologico vicino a Cusco, in Perù. È costituito da una serie di antichi acquedotti, canali e cascate provenienti da sorgenti termali vicine che scorrono tra le rocce terrazzate. L'acqua e il lavaggio sembravano essere una parte importante della vita Inca, e molti dei siti Inca nella Valle Sacra hanno bagni e acquedotti come caratteristiche importanti. A Tambomachay il bagno sembra essere stato una parte così importante della vita che ora si pensa che doveva essere una spa.

9. Parco degli Acquedotti

https://maps.google.com/?ll=41.847000,12.562000&z=18

(VEDI MAPPA)

In un periodo di 500 anni (dal 312 a.C. al 226 d.C.) furono costruiti 11 acquedotti romani per portare l'acqua a Roma da una distanza di 92 chilometri (57 miglia). Il sistema acquedotto era di oltre 415 km (258 miglia) anche se solo circa 48 km (30 miglia) erano costituiti da archi in pietra mentre il resto era costituito da gallerie sotterranee. Il Parco degli Acquedotti ospita i resti di 7 acquedotti antichi: Marcio, Anio Novus, Tepula, Mariana, Claudio, Iulia e Felice. Di questi, l'Aqua Claudio è il più impressionante. Fu costruito intorno al 52 d.C. e raggiunse un'altezza di 28 metri (92 piedi).

8. Acquedotto Cesarea

https://maps.google.com/?ll=32.500000,34.900002&z=18

(VEDI MAPPA)

Cesarea era un'importante città portuale costruita dal re Erode il Grande tra il 23-13 aC. L'acquedotto portava l'acqua corrente alla città da sorgenti distanti 10 km (6 miglia). Erode costruì il primo acquedotto quando fu fondata la città. I Romani ampliarono l'antico acquedotto nel II secolo d.C. Questa sezione attinse al vecchio acquedotto e ne raddoppiò la capacità. L'acquedotto continuò a fornire acqua per 1200 anni. Nel corso dei secoli è stato più volte riparato.

7. Acquedotti di Nazca

https://maps.google.com/?ll=-14.826651,-74.910248&z=18

(VEDI MAPPA)

Gli acquedotti di Nazca furono costruiti tra il III e il VI secolo d.C. dal popolo di Nazca per sopravvivere al clima arido del deserto. L'acqua che scorreva nelle falde acquifere veniva convogliata dove era necessaria utilizzando canali sotterranei artificiali. I percorsi concentrici che scendevano a questi canali sotterranei prevedevano l'accesso diretto all'acqua e il canale sotterraneo per la manutenzione. Ancora oggi in uso dagli abitanti della valle, questi cunicoli, pozzi e trincee sono noti collettivamente come puquios. Alcuni dei puquios meglio conservati sono quelli situati a Cantalloc.

6. Acquedotti Hampi

https://maps.google.com/?ll=15.315015,76.470314&z=18

(VEDI MAPPA)

Hampi era la capitale del XIV secolo dell'impero Vijayanagar nell'odierna India. Intorno ad Hampi ci sono i resti di antichi acquedotti e canali che venivano utilizzati per portare l'acqua dal fiume Tungabhadra e alimentare i serbatoi e i bagni. L'acqua all'interno dei templi era solitamente fornita da acquedotti sotterranei. Uno dei rami principali dell'acquedotto forniva acqua al serbatoio a gradini, un serbatoio d'acqua profondo 7 metri (23 piedi). In effetti, la scoperta stessa della cisterna a gradini è avvenuta perché questo ramo dell'acquedotto sembrava non portare da nessuna parte. Gli archeologi hanno scavato il terreno nel suo punto finale e il serbatoio è emerso.

5. Acquedotto dei Miracoli

https://maps.google.com/?ll=38.916195,-6.337722&z=18

(VEDI MAPPA)

L'Acquedotto dei Miracoli (Acueducto de los Milagros) è uno dei tre antichi acquedotti romani costruiti a Mérida nell'odierna Spagna. Originariamente portava l'acqua alla città da un lago artificiale, rifornito dal fiume Aberregas a circa 5 km (3 miglia) a nord-ovest di Mérida. Si pensa che l'acquedotto sia stato costruito nel I secolo d.C. Nei secoli successivi, gli abitanti di Mérida lo soprannominarono "Acquedotto dei Miracoli" per la soggezione che suscitava.

4. Acquedotto Les Ferreres

https://maps.google.com/?ll=41.145557,1.243889&z=18

(VEDI MAPPA)

L'acquedotto Les Ferreres (noto anche come Pont del Diable che significa Ponte del Diavolo) fu costruito per portare l'acqua dall'acqua Francoli a 15 chilometri (9 miglia) a sud fino alla città di Tarragona nell'attuale Spagna. Risale probabilmente all'epoca di Augusto, il primo sovrano dell'Impero Romano. L'acquedotto romano ha un'altezza massima di 27 metri e una lunghezza di 249 metri. Era composto da 25 archi superiori e 11 archi inferiori.

3. Acquedotto di Valente

https://maps.google.com/?ll=41.015945,28.955557&z=18

(VEDI MAPPA)

L'acquedotto di Valente fu completato nell'anno 368 dC durante il regno dell'imperatore romano Valente, di cui porta il nome. Era semplicemente uno dei punti terminali di un sistema di antichi acquedotti e canali di Costantinopoli (l'odierna Istanbul, Turchia). Il sistema idrico alla fine raggiunse oltre 250 chilometri (155 miglia) di lunghezza totale, il più lungo sistema di questo tipo dell'antichità. L'acquedotto di Valente fu restaurato da diversi sultani ottomani ed era ancora il principale sistema di approvvigionamento idrico della Costantinopoli medievale. La sezione superstite è lunga 921 metri (3021 piedi), circa 50 metri in meno rispetto alla lunghezza originale. Sotto i suoi archi passa il viale Atatürk.

2. Acquedotto di Segovia

https://maps.google.com/?ll=40.948002,-4.117700&z=18

(VEDI MAPPA)

Costruito probabilmente intorno al 50 d.C., l'Acquedotto di Segovia è uno dei monumenti meglio conservati lasciati dai romani in Spagna. L'antico acquedotto trasporta l'acqua per 16 km (10 miglia) dal fiume Frío a Segovia ed è stato costruito con circa 24.000 massicci blocchi di granito senza l'uso di malta. La parte fuori terra è lunga 728 metri (2.388 piedi) ed è composta da 165 archi alti più di 9 metri (30 piedi). È il simbolo più importante di Segovia e forniva ancora acqua alla città nel XX secolo.

1. Pont du Gard

https://maps.google.com/?ll=43.947300,4.535500&z=13

(VEDI MAPPA)

Il Pont du Gard (letteralmente ponte del Gard) è un antico acquedotto nel sud della Francia costruito dall'Impero Romano. In origine faceva parte di un canale di 50 km (31 miglia) che forniva acqua dolce alla città romana di Nimes. L'acquedotto romano fu costruito interamente senza l'uso di malta. Le pietre dell'acquedotto - alcune delle quali pesano fino a 6 tonnellate - sono state tagliate con precisione per combaciare perfettamente eliminando la necessità di malta. Dal Medioevo al XVIII secolo, l'antico acquedotto fu utilizzato come ponte convenzionale per facilitare il traffico pedonale attraverso il fiume. Oggi, il Pont du Gard è una delle cinque principali attrazioni turistiche della Francia, con 1,4 milioni di visitatori segnalati nel 2001.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Categoria: