Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Prima che esistesse la maggior parte delle chiese, i primi cristiani si riunivano nelle case del vicinato conosciute come chiese domestiche. In effetti, la parola "chiesa" era usata anche per descrivere la comunità cristiana nel suo insieme - la parola stessa significa "assemblea" in greco.

Nel I secolo d.C. esistevano già diversi centri religiosi in Terra Santa, ma la maggior parte delle chiese cristiane come le conosciamo oggi hanno iniziato a diffondersi in tutto il mondo dopo il II secolo Dalla famosa Basilica di San Pietro in Vaticano Città del luogo di nascita di Gesù Cristo a Betlemme, queste sono le chiese più antiche del mondo.

10. Monastero di Mor Gabriel (397)

https://maps.google.com/?ll=37.32177,41.538502&z=18

(VEDI MAPPA)

Risalente al 397, il monastero di Mor Gabriel è il più antico monastero siro-ortodosso funzionante rimasto sulla Terra. Arroccata sull'altopiano di Tur Abdin tra frutteti e uliveti nel sud-est della Turchia, questa chiesa cristiana e il complesso simile a una fortezza sono serviti a lungo come luogo di rifugio.

Il monastero, noto anche come Deyrulumur, ha fornito una casa e uno spazio sacro per migliaia di monaci copti e in una fase ha anche avuto una propria diocesi. Nel XIV secolo fu invasa dai mongoli di Timur e negli anni '90 furono scoperti centinaia di monaci sepolti nelle grotte sotto l'edificio.

Oggi, Dayro d-Mor Gabriel è ancora sede di una manciata di monaci e monache devoti ed è la sede del vescovo metropolita di Turabdin. È aperto ai visitatori durante le ore diurne e c'è la possibilità di pernottare, ma solo con permesso avanzato.

9. Monastero di Sant'Antonio (356)

https://maps.google.com/?ll=28.920000,32.349998&z=18

(VEDI MAPPA)

Il Monastero di Sant'Antonio risale al IV secolo. Ha avuto umili origini come un incontro informale dei seguaci di Sant'Antonio - il primo monaco cristiano - che si sono riuniti in una piccola grotta ai piedi del Gebel Al Galala Al Qibliya nel deserto orientale dell'Egitto. Lentamente, il complesso si espanse per includere cinque chiese storiche, una panetteria, una biblioteca e un'oasi di giardino all'interno delle mura fortificate.

Oggi il monastero ospita oltre 100 monaci, che hanno scelto una vita di meditazione e preghiera nell'isolamento del deserto. Vivono in celle all'interno del complesso e praticano ancora le tradizioni stabilite dai seguaci originari di Sant'Antonio migliaia di anni fa.

Molte delle chiese originali sono state restaurate. Il Monastero di Sant'Antonio è l'edificio più antico e il motivo principale per visitare questa parte remota del globo. Costruito sopra la tomba del santo, ospita una collezione di antichi dipinti murali copti medievali.

I visitatori possono unirsi a centinaia di pellegrini in visita ogni giorno in un tour guidato dai monaci residenti attraverso le mura fortificate del monastero.

8. Santa Maria in Trastevere (340)

https://maps.google.com/?ll=41.889442,12.469722&z=18

(VEDI MAPPA)

Risalente al 340, Santa Maria in Trastevere, Roma, è una delle prime chiese di Roma dedicate alla Vergine Maria.

Mentre le parti più antiche della chiesa risalgono al 3° secolo, ulteriori caratteristiche furono aggiunte nel 12° secolo. Questi includono il campanile romanico, una serie di mosaici interni e una bella facciata dorata. Il portico fu aggiunto nel XVIII secolo.

Ci sono molti punti salienti accattivanti che tentano storici e pellegrini da tutto il mondo in questa chiesa romana. Indubbiamente, i mosaici del XII secolo sono il pinnacolo, una serie di sei spettacolari mosaici di Pietro Cavallini che documentano la vita della Vergine Maria.

7. Cattedrale di Treviri (340)

https://maps.google.com/?ll=49.756111,6.643056&z=18

(VEDI MAPPA)

Costruita originariamente nel IV secolo, la cattedrale cattolica romana di Treviri è stata ampliata nel corso di migliaia di anni. Rimane la più antica chiesa vescovile della Germania e il più grande edificio religioso di Treviri. Situato sopra un antico palazzo che fu poi trasformato in un'antica chiesa cristiana, una delle prime stanze paleocristiane a nord delle Alpi si trova ancora sotto la cattedrale.

L'orgoglio e la gioia della Cattedrale di Treviri è la sacra "Sacra Veste" trovata qui che si crede contenga frammenti della tunica di Cristo. Menzionato per la prima volta da studiosi religiosi nel XII secolo, fu scoperto centinaia di anni dopo quando fu aperto l'altare maggiore. Questa antica reliquia cristiana rimane rinchiusa in un annesso e viene rivelata solo in occasioni molto speciali.

Oltre all'eccezionale architettura romanica e gotica, un'altra importante reliquia da vedere nella cattedrale è il Santo Chiodo, che si ritiene sia stato utilizzato durante la Crocifissione.

6. Chiesa della Natività (339)

https://maps.google.com/?ll=31.704306,35.207638&z=18

(VEDI MAPPA)

La Chiesa della Natività di Betlemme è ampiamente ritenuta il luogo di nascita di Gesù. Situata alla fine del percorso di pellegrinaggio ben battuto - visitato da milioni di persone ogni anno - la Chiesa della Natività è uno dei luoghi più santi della cristianità sulla Terra e la più antica chiesa cristiana ancora in uso.

Costruita all'imbocco di un'antica grotta per sostituire una chiesa originale distrutta durante una rivolta del VI secolo, la nuova chiesa contiene ancora le colonne originali di calcare rosso e bianco e i mosaici del pavimento.

Accessibile tramite un basso ingresso noto come la Porta dell'Umiltà (ridimensionato per impedire ai saccheggiatori di entrare a cavallo), la chiesa fornisce ancora l'ingresso alla Grotta della Natività illuminata da lanterne. Qui, la Cappella del Presepe e la stella d'argento a 14 punte segnano il luogo in cui si dice sia nato Gesù.

5. Chiesa del Santo Sepolcro (335)

https://maps.google.com/?ll=31.778334,35.229721&z=18

(VEDI MAPPA)

Realizzata in legno e pietra, la Chiesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme, color beige, è caratterizzata da una serie di archi suggestivi ornati da croci crociate. Consacrata nel 335, è costruita su due dei siti più famosi della storia del cristianesimo: la biblica Rocca di Cavalleria (Golgota) dove Cristo fu inchiodato alla croce e la Tomba del Sepolcro.

Conosciuta anche come Chiesa della Resurrezione, la chiesa è uno dei luoghi di pellegrinaggio più famosi della Terra con milioni di persone che si recano qui ogni anno. Qui si trovano le ultime quattro o cinque stazioni della Via Dolorosa, che ritraggono gli ultimi episodi della Passione di Gesù.

Delle quattro (discutibilmente cinque) stazioni, la più famosa è la 12° - la Rocca della Cavalleria, con il suo Altare di vetro protettivo della Crocifissione attraverso il quale i visitatori possono toccare la roccia sacra, e la 14° - la Tomba del Santo Sepolcro, dove Gesù fu sepolto e risorto. A causa del suo grande significato religioso, i visitatori dovrebbero vestirsi in modo conservativo per accedere alla chiesa.

4. Basilica di San Pietro (333)

https://maps.google.com/?ll=41.902222,12.453333&z=18

(VEDI MAPPA)

Situata all'interno di una città-stato all'interno di una città venerata per le sue chiese e gli edifici religiosi, la Basilica di San Pietro nella Città del Vaticano è di gran lunga la più imponente. Risalente al 333 anche se ricostruita nel XVI secolo, è la più grande - e una delle più antiche - basiliche di Roma e si ritiene sia stata costruita sulla tomba di San Pietro.

I punti salienti includono il balcone centrale, noto come Loggia della Benedizione, dove il Papa parla al pubblico in occasioni speciali, e l'imponente facciata con le sue 13 statue, tra cui San Giovanni Battista e Cristo Redentore. All'interno delle mura dell'enorme chiesa, ci sono alcune straordinarie opere d'arte - in particolare l'affascinante scultura rinascimentale di Michelangelo, la Pietà (che significa "Pietà") che rappresenta la Madonna che piange la perdita del figlio che tiene in grembo - una scultura che vale centinaia di milioni.

C'è anche il Baldacchino del Bernini realizzato in bronzo dal Pantheon e, sopra, la cupola di Michelangelo. I visitatori possono salire sul tetto per una vista mozzafiato sul Vaticano e oltre.

3. Monastero di Stavrovouni (327-329)

https://maps.google.com/?ll=34.885876,33.435497&z=18

(VEDI MAPPA)

Il Monastero di Stavrovouni è arroccato in modo precario in cima a Stavrovouni, la "Montagna della Croce". Costruito tra il 327 e il 329, si ritiene che questo antico monastero sia il più antico dell'isola di Cipro.

Il motivo principale per cui i pellegrini compiono il ripido viaggio fino a questo monastero di montagna è dovuto al pezzo della Santa Croce conservato all'interno dell'argento massiccio all'interno della chiesa. Si suppone che sia stato riportato da Sant'Elena - la madre dell'imperatore Costantino - dopo i suoi viaggi a Gerusalemme.

Sebbene alle donne non sia permesso entrare nel monastero, il viaggio vale la pena solo per le vedute della pianura di Mesaoria, che si estende verso il Mediterraneo in lontananza. Mentre i visitatori maschi esplorano il monastero con il suo campanile e i chiostri ad arco, i visitatori femminili possono visitare la chiesa più piccola di Tutti i Santi appena fuori.

2. Panagia Ekatontapiliani (326)

https://maps.google.com/?ll=37.084999,25.151667&z=18

(VEDI MAPPA)

La Panagia Ekatontapiliani, che significa "la Chiesa dalle cento porte", è uno dei più incredibili monumenti paleocristiani delle Cicladi. Situato sull'isola di Paros in Grecia, il complesso di Ekatontapiliani comprende una serie di chiese e cappelle, alcune delle quali risalgono al 326 d.C.

Secondo la leggenda, ci sono 99 porte all'interno del complesso. L'ultima, una porta segreta, si aprirà quando la chiesa di Hagia Sofia a Costantinopoli sarà di nuovo ortodossa. Esplora la chiesa principale della Vergine Maria, Agios Nikolaos - la più grande - con le sue enormi colonne di marmo pario e l'antico Battistero.

1. Cattedrale di Etchmiadzin (301)

https://maps.google.com/?ll=40.161770,44.291164&z=18

(VEDI MAPPA)

Consacrata nel 301 d.C., la cattedrale di Etchmiadzin è ritenuta la più antica cattedrale cristiana della Terra e il Vaticano della Chiesa apostolica armena.

La chiesa originale fu costruita su un tempio pagano in un'epoca in cui il cristianesimo divenne la religione di stato come imposto dal re Tiridate III, ma in seguito cadde in rovina. È stato ricostruito più volte nel corso di secoli diversi, mostrando quindi una miscela di diversi stili di architettura armena.

Oggi, la cattedrale principale è nascosta all'interno di siepi e prati ben curati, circondati da edifici più moderni del XIX secolo. La cattedrale stessa è costituita da una cupola centrale adornata con affreschi gloriosi e scintillanti e un Tesoro dove si possono trovare una serie di reliquie sacre come la Sacra Lancia e un residuo dell'arca di Noè.

La cattedrale ospita il Catholicos, il capo amministrativo della Chiesa armena, e servì come rifugio per i rifugiati armeni turchi durante il genocidio armeno. Oggi, un monumento al genocidio si trova all'interno degli splendidi giardini paesaggistici della cattedrale.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Categoria: