Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Chefchaouen potrebbe essere blu, forse la città più blu del mondo, ma questo non significa che sia detto. È perché tutto in questa città marocchina, dagli edifici ai lampioni e ai bidoni della spazzatura, è dipinto di blu.

L'azzurro della città è una tradizione che risale al XV secolo, quando gli ebrei fuggirono dalla Spagna a causa degli sconvolgimenti religiosi in corso. Si stabilirono a Chefchaouen in Marocco e presto iniziarono a trasformare la città in blu, iniziando con i propri edifici. Il colore blu, credevano, era il colore del cielo e ricordava loro Dio. La tradizione è ancora forte oggi.

La maggior parte della popolazione ebraica della città si trasferì in Israele dopo la seconda guerra mondiale, ma lasciò il proprio patrimonio di edifici blu. Anche la tradizione non è destinata a cambiare, dal momento che il governo della città fornisce pennelli speciali per continuare a dipingere di blu la città.

Questo concetto tutto in blu rende Chefchaouen uno dei luoghi turistici più alla moda del Marocco. In effetti, questa combinazione di colori monocromatici è ciò che rende cara la città ai visitatori. Ma c'è di più a Chefchaouen, o Chaouen come è conosciuta in Marocco, che case blu, strade e moschee. Per cominciare, c'è la vecchia fortezza nel centro della città. Questa città di 43.000 persone è stata fondata nel 1471, con la fortezza che è stata eretta poco dopo per proteggere il Marocco dagli invasori portoghesi.

Puoi trascorrere una giornata semplicemente girovagando per la città vecchia, ma potrebbe non essere così facile come pensi. Chefchaouen è costruito su una collina e i visitatori dicono che camminare su e giù per la collina sotto il caldo sole del Marocco può essere faticoso; lo rifarebbero tutti, comunque.

La città musulmana di Chefchaouen ha diverse moschee che vale la pena dare un'occhiata. Le moschee sono meno affollate di altre che si trovano altrove in Marocco; le loro sfumature di blu li rendono ancora più rilassanti. La Grande Moschea domina Place Uta Hammam, la piazza della città nella medina, mentre un'altra è dedicata al santo patrono della regione di Jebalah situata nel nord del Marocco.

Dopo aver visto le moschee, segui l'esempio del defunto attore francese Charles Boyer e dirigiti verso la Kasbah, che si trova anche in posizione prominente nella piazza della città. La Kasbah era una volta una prigione, ma è stata riportata ai suoi giorni di gloria, con tanto di giardino in stile andaluso. Oggi ospita un museo dedicato alla storia e alla vita di Chefchaouen. Se sali in cima, sarai ricompensato con viste panoramiche della città o puoi scendere nel sotterraneo usato nei giorni in cui la Kasbah era una prigione.

La medina di Chefchaouen è un paradiso dello shopping dove è possibile acquistare oggetti di artigianato che potresti non trovare da nessun'altra parte in Marocco. Oltre agli indumenti di lana e alle coperte di pelo di cammello intrecciate, cerca gioielli, piatti d'argento, pantofole marocchine e ceramiche dal design complesso. La contrattazione sul prezzo fa parte del gioco qui.

Se le visite turistiche e lo shopping ti fanno venire fame, la medina è il luogo perfetto per un pasto. Chefchaouen è famosa per il suo tajine di pesce, o stufato, a base di verdure e molte spezie, il tutto servito su cous cous. Accompagnalo con del pane cotto nel forno a legna e termina il pasto con una tazza del tradizionale tè alla menta.

Quando è il momento di aggiungere un po' di verde al tuo viaggio, presta attenzione alle montagne del Rif che circondano Chefchaouen. Chefchaouen, la città e il distretto, prende il nome dalle montagne vicine perché le cime delle montagne hanno la forma di due corna. Ichaouen è una parola berbera che significa corna. Puoi fare escursioni attraverso le montagne e le valli pittoresche, il tutto in contrasto con il deserto a pochi passi di distanza. Che tu stia facendo un'escursione che dura uno o più giorni, ti imbatterai in panorami incredibili per rilassare la tua anima.

Chefchaouen è accessibile solo in auto, beh, forse potresti avvistare uno o due cammellieri in lontananza. Se non ti fermi lungo il percorso, ci vogliono poco più di due ore per percorrere le 115 miglia da Tangeri.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Categoria: