Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Cosa hanno mai fatto i romani per noi (citazione)? Bene, una delle cose per cui gli antichi romani sono più famosi è la loro architettura. Hanno portato molte nuove idee all'architettura tra cui l'arco, il mattone cotto e l'uso di cemento e cemento. Il fatto che molti antichi monumenti romani siano ancora in piedi è la prova di quanto fosse davvero buona l'architettura romana.

52. Teatro Romano di Merida

https://maps.google.com/?ll=38.915390,-6.338500&z=18

(VEDI MAPPA)

Secondo un'iscrizione, il Teatro Romano di Merida fu costruito nel 16 aC per ordine di Agrippa, generale amico dell'imperatore Augusto. L'antico teatro poteva ospitare fino a 6.000 spettatori. Nei secoli successivi il teatro subì diversi restauri che introdussero nuovi elementi architettonici e decorazioni. La struttura è stata restaurata allo stato attuale negli anni '60-'70.

51. Arco di Caracalla a Volubilis

https://maps.google.com/?ll=34.074024,-5.555197&z=18

(VEDI MAPPA)

L'Arco marmoreo di Caracalla, proprio al centro di Volubilis, fu eretto nel 211 dC in onore dell'imperatore Caracalla e di sua madre, Giulia Domna. L'arco è sormontato da un carro in bronzo e con le sue colonne corinzie rimane un imponente monumento romano.

50. Arco di Caracalla a Djemila

https://maps.google.com/?ll=36.320816,5.735618&z=18

(VEDI MAPPA)

L'Arco di Caracalla fu costruito nel 216 d.C. in onore dell'imperatore Caracalla e dei suoi genitori Giulia Domna e Severo Septime. L'arco fu smantellato dal duca d'Orléans nel 1839, pronto per essere spedito a Parigi, ma quando il duca morì 3 anni dopo il progetto fu abbandonato. L'arco fu ricostruito nel 1922.

49. Mura della città di Lugo

https://maps.google.com/?ll=43.016666,-7.5500000&z=13

(VEDI MAPPA)

Situata nel nord-ovest della Spagna, Lugo è l'unica città in Europa ad essere circondata da mura romane completamente intatte. Le mura raggiungono un'altezza di 10-15 metri (30-50 piedi) lungo un circuito circondato da 71 torri. La passeggiata lungo la cima è continua intorno al circuito e presenta dieci porte.

48. Acquedotto Les Ferreres

https://maps.google.com/?ll=41.145557,1.243889&z=18

(VEDI MAPPA)

L'acquedotto Les Ferreres (noto anche come Pont del Diable che significa Ponte del Diavolo) fu costruito per portare l'acqua dall'acqua Francoli a 15 chilometri (9 miglia) a sud fino alla città di Tarragona. Risale probabilmente all'epoca di Augusto, il primo sovrano dell'Impero Romano. L'acquedotto ha un'altezza massima di 27 metri e una lunghezza di 249 metri. Era composto da 25 archi superiori e 11 archi inferiori.

47. Terme di Caracalla

https://maps.google.com/?ll=41.879444,12.493056&z=18

(VEDI MAPPA)

Le Terme di Caracalla erano terme pubbliche romane, o terme, costruite a Roma tra il 212 e il 216 d.C., durante il regno dell'imperatore Caracalla. Il complesso di edifici era più un centro ricreativo che una semplice serie di bagni. Oltre a poter ospitare circa 1.600 bagnanti, disponeva anche di una biblioteca pubblica e di una scuola di wrestling. Le terme rimasero in uso fino al VI secolo quando il complesso fu saccheggiato dagli Ostrogoti durante la Guerra Gotica, distruggendo gli impianti idraulici.

46. Acquedotto di Valente

https://maps.google.com/?ll=41.015945,28.955557&z=18

(VEDI MAPPA)

L'acquedotto di Valente fu completato nell'anno 368 dC durante il regno dell'imperatore romano Valente, di cui porta il nome. Era semplicemente uno dei punti terminali di un sistema di antichi acquedotti e canali - che alla fine raggiungeva oltre 250 chilometri (155 miglia) di lunghezza totale, il più lungo sistema di questo tipo dell'antichità. L'acquedotto di Valente fu restaurato da diversi sultani ottomani ed era ancora il principale sistema di approvvigionamento idrico della Costantinopoli medievale.

45. Teatro Romano di Amman

https://maps.google.com/?ll=31.951693,35.939304&z=18

(VEDI MAPPA)

Il teatro romano di Amman fu costruito durante il regno di Marco Aurelio nel II secolo d.C. È tagliato nel fianco della collina e orientato a nord per tenere il sole lontano dagli spettatori. Il teatro era costruito su tre livelli: i governanti sedevano più vicini all'azione, i militari avevano la sezione centrale e il pubblico in generale sedeva nella sezione più alta. Sebbene lontani dal palcoscenico, anche lì si sentivano chiaramente gli attori, data la ripidità del teatro.

44. Arco di Settimio Severo

https://maps.google.com/?ll=32.635593,14.289154&z=18

(VEDI MAPPA)

Lucio Settimio Severo era un imperatore romano nato a Leptis Magna che regnò nel 193 fino alla sua morte nel 211. I cittadini di Leptis iniziarono probabilmente la costruzione subito dopo che il loro concittadino era diventato imperatore. La scena centrale dell'arco mostra l'imperatore che stringe la mano ai suoi figli, Caracalla e Geta. Caracalla è mostrato come un giovane alto e questo offre un indizio per il momento del completamento dell'arco, probabilmente nei primi anni del 200.

43. Arco di Tito

https://maps.google.com/?ll=41.890717,12.488585&z=18

(VEDI MAPPA)

L'Arco di Tito a Roma fu costruito nell'82 d.C. dall'imperatore romano Domiziano poco dopo la morte del fratello maggiore Tito per commemorare la vittoria di Tito nel Sacco di Gerusalemme nel 70 d.C. L'Arco di Tito ha fornito il modello generale per molti degli archi di trionfo eretti dal XVI secolo, incluso l'Arco di Trionfo.

42. Teatro di Side

https://maps.google.com/?ll=36.767891,31.390568&z=18

(VEDI MAPPA)

Nel 25 aC Side entrò a far parte della provincia romana della Galazia e prosperò grazie al commercio dell'olio d'oliva e degli schiavi. Le rovine romane di Side che sono oggi in condizioni abbastanza buone includono un tempio, una porta della città e un antico teatro che poteva ospitare da 15.000 a 20.000 persone.

41. Arco di Timgad

https://maps.google.com/?ll=35.485020,6.466944&z=18

(VEDI MAPPA)

Timgad era una città coloniale romana in Nord Africa fondata dall'imperatore Traiano intorno al 100 d.C. All'estremità occidentale della città si erge un arco alto 12 metri (39 piedi), chiamato Arco di Traiano, parzialmente restaurato nel 1900. Il materiale principale utilizzato per la costruzione dell'arco era l'arenaria.

40. Dougga Capitol

https://maps.google.com/?ll=36.422626,9.217952&z=13

(VEDI MAPPA)

Dougga è talvolta chiamata "la cittadina romana meglio conservata del Nord Africa". Tra i monumenti romani più famosi del sito ci sono un mausoleo punico-libico, il teatro e il campidoglio. Il Campidoglio è un tempio romano del II secolo d.C., dedicato principalmente alle tre divinità romane più importanti: Giove, Giunone e Minerva.

39. Teatro di Sabratha

https://maps.google.com/?ll=32.805229,12.485127&z=18

(VEDI MAPPA)

Sabratha fu fondata intorno al 500 a.C. come stazione commerciale fenicia e raggiunse il suo apice sotto il dominio romano come sbocco costiero per i prodotti dell'entroterra africano. Il Teatro di Sabratha fu costruito nel II secolo d.C. La struttura romana appare in gran parte intatta grazie alla sua ricostruzione da parte di archeologi italiani negli anni '30. Il teatro aveva 25 ingressi e poteva ospitare circa 5.000 spettatori.

38. Piramide Cestia

https://maps.google.com/?ll=41.876389,12.480833&z=18

(VEDI MAPPA)

La Piramide Cestia a Roma fu costruita intorno al 18 a.C. - 12 a.C. come tomba di Gaio Cestio Epulo. È di cemento faccia a vista rivestito di marmo bianco di Carrara. Si presume che il monumento sia stato modellato sulle vere piramidi in Nubia, che Roma attaccò nel 23 aC, in contrasto con le piramidi egiziane molto meno appuntite.

37. Tempio di Garni

https://maps.google.com/?ll=40.112000,44.729000&z=13

(VEDI MAPPA)

Dedicato a Helios, il dio romano del sole, il tempio di Garni fu costruito dal re armeno Trdates I nel I secolo d.C. La costruzione fu probabilmente finanziata con denaro che il re ricevette dall'imperatore romano Nerone in cambio di un sostegno militare contro l'impero dei Parti. A differenza di altri templi greco-romani, è fatto di basalto. Nel 1679 un terremoto distrusse completamente l'antico tempio romano e rimase in rovina fino alla sua ricostruzione negli anni '70.

36. Tempio di Augusto a Pola

https://maps.google.com/?ll=44.869999,13.841944&z=18

(VEDI MAPPA)

Il Tempio di Augusto è l'unica struttura rimasta dell'originario foro romano di Pola. Dedicato al primo imperatore romano, Augusto, fu probabilmente costruito durante la vita dell'imperatore ad un certo punto tra il 2 a.C. e la sua morte nel 14 d.C. Sotto il dominio bizantino, il tempio fu trasformato in chiesa e in seguito fu utilizzato come granaio. Subì notevoli danni durante la seconda guerra mondiale quando il tempio fu colpito da una bomba. Di conseguenza, gran parte del monumento è stato ricostruito da quel momento.

35. Arena di Leptis Magna

https://maps.google.com/?ll=32.632183,14.309276&z=18

(VEDI MAPPA)

L'anfiteatro romano di Leptis Magna risale al 56 dC e si trova a circa un chilometro a est del centro della città. Era in grado di ospitare 16.000 spettatori. A differenza della maggior parte degli anfiteatri romani, è costruito sotto terra.

34. Arco di Adriano a Jerash

https://maps.google.com/?ll=32.27285,35.891205&z=18

(VEDI MAPPA)

Jerash è un'antica città che era provincia romana dell'Arabia. I Romani assicurarono sicurezza e pace in questa zona che permisero alla sua gente di raggiungere una grande prosperità. L'imperatore Adriano visitò Jerash nel 129-130 d.C. L'Arco di Adriano fu costruito per celebrare la sua visita. Questo arco di trionfo doveva diventare la principale porta meridionale della città, ma i piani di espansione non furono mai completati.

33. Terme Romane

https://maps.google.com/?ll=51.380901,-2.359500&z=18

(VEDI MAPPA)

Le terme romane sono un'attrazione turistica imperdibile nella città inglese di Bath. Un tempio fu costruito nel 60-70 d.C. e il complesso balneare, alimentato dalle uniche sorgenti termali minerali dell'Inghilterra, fu gradualmente costruito nel corso dei successivi 300 anni. L'acqua che scorre all'interno delle Terme Romane è considerata pericolante per la balneazione, in parte perché attraversa le originarie tubature in piombo ancora funzionanti e per il notevole pericolo di malattie infettive. Nel 1979 una ragazza che nuotava nel bagno restaurato inghiottì parte dell'acqua della sorgente e morì cinque giorni dopo di meningite amebica.

32. Arco di Costantino

https://maps.google.com/?ll=41.889721,12.490833&z=18

(VEDI MAPPA)

Situato vicino al Colosseo, l'Arco di Costantino fu eretto nel 315 d.C. per commemorare la vittoria dell'imperatore Costantino I sull'imperatore Massenzio. La battaglia segnò l'inizio della conversione di Costantino al cristianesimo. Secondo i cronisti, Costantino ebbe una visione che Dio avrebbe promesso la vittoria se il suo esercito avesse imbrattato il segno della croce sui loro scudi.

31. Porta Nigra

https://maps.google.com/?ll=49.759701,6.644000&z=18

(VEDI MAPPA)

La Porta Nigra è una grande porta romana della città di Treviri, costruita in arenaria grigia tra il 186 e il 200 d.C. Faceva parte di un sistema di quattro porte cittadine, una delle quali si trovava su ciascun lato della città romana approssimativamente rettangolare. Il nome Porta Nigra ha origine nel Medioevo per il colore scurito della sua pietra. Il nome romano originale non è stato conservato.

30. Templi del Foro di Sbeitla

https://maps.google.com/?ll=35.229721,9.129444&z=13

(VEDI MAPPA)

Sbeitla (o Sufetula) è una città romana abbastanza ben conservata nel centro ovest della Tunisia. La città contiene un vasto foro quasi quadrato pavimentato con lastre di pietra e circondato da un muro. Il foro ha una porta da un lato e tre templi romani dall'altro. Invece di costruire un solo tempio dedicato alle tre divinità romane più importanti, Giove, Giunone e Minerva, gli abitanti di Sbeitla costruirono templi separati per ciascuno.

29. Rotonda di Galerio

https://maps.google.com/?ll=40.633324,22.952948&z=18

(VEDI MAPPA)

La Rotonda di Galerio è ora la Chiesa greco-ortodossa di Agios Georgios, meglio conosciuta come la Chiesa della Rotonda (o semplicemente La Rotonda). La struttura cilindrica fu costruita nel 306 su ordine del tetrarca Galerio. Doveva essere il suo mausoleo o un po' più probabilmente un tempio. La Rotonda ha un diametro di 24,5 metri (80 piedi). Le sue pareti sono spesse più di 6 metri (20 piedi), motivo per cui ha resistito ai terremoti di Salonicco. Una cupola in mattoni piatti, alta 30 metri (98 piedi) in vetta, corona la struttura cilindrica.

28. Ponte Alcantara

https://maps.google.com/?ll=39.722420,-6.892444&z=18

(VEDI MAPPA)

Attraversando il fiume Tago ad Alcántara in Spagna, il ponte di Alcántara è un capolavoro dell'antica costruzione di ponti romani. Il ponte fu costruito tra il 104 e il 106 per ordine dell'imperatore romano Traiano nel 98 dC, il quale è onorato da un arco trionfale al centro del ponte e da un tempietto a un'estremità. Il ponte dell'Alcántara ha subito più danni dalla guerra che dagli elementi. I Mori distrussero l'arco più piccolo da un lato mentre il secondo arco dall'altro fu distrutto dagli spagnoli per fermare i portoghesi.

27. Teatro Romano di Orange

https://maps.google.com/?ll=44.135727,4.808873&z=18

(VEDI MAPPA)

Il Teatro Romano di Orange è un teatro ben conservato costruito nel I secolo d.C. per assistere a spettacoli teatrali. Dopo il declino dell'Impero Romano, il teatro fu chiuso per editto ufficiale nel 391 d.C. poiché la Chiesa si oppose a quelli che considerava spettacoli incivili. L'antico teatro è stato restaurato nel XIX secolo e oggi è sede del festival lirico estivo, le Chorégies d'Orange.

26. Arco di Settimio Severo a Roma

https://maps.google.com/?ll=41.892757,12.484744&z=18

(VEDI MAPPA)

L'Arco di Settimio Severo in marmo bianco all'estremità nord-est del Foro Romano fu costruito nel 203 d.C. per commemorare le vittorie contro i Parti dell'imperatore Severo e dei suoi due figli. Dopo la morte di Severo, i suoi figli Caracalla e Geta furono inizialmente imperatori congiunti fino a quando Caracalla fece assassinare Geta nel 212 d.C. I memoriali di Geta furono distrutti e le iscrizioni che si riferivano a lui furono rimosse dall'arco trionfale.

25. Ostia Antica

https://maps.google.com/?ll=41.750000,12.300000&z=13

(VEDI MAPPA)

Situata alla foce del fiume Tevere, Ostia era il porto marittimo di Roma, ma, a causa dell'insabbiamento e dell'abbassamento del livello del mare, il sito si trova ora a 3 chilometri (2 miglia) dal mare. Ostia è famosa per gli antichi condomini (insula) molto ben conservati. Questi edifici possono essere esplorati fino a un piano in altezza, con scale strette e corridoi che conducono a piccole stanze. Ci sono anche i resti di case più facoltose, come la Casa di Cupido e Pysche, con ricchissime decorazioni marmoree.

24. Gran Teatro di Efeso

https://maps.google.com/?ll=37.941006,27.342302&z=18

(VEDI MAPPA)

Efeso era un tempo famosa per il Tempio di Artemide, una delle sette meraviglie del mondo antico, che fu distrutto da una folla guidata dall'arcivescovo di Costantinopoli nel 401 d.C. Tuttavia, alcune delle strutture sono ancora visibili, incluso l'imponente Teatro Grande. Questo grande teatro, che poteva contenere 25.000 spettatori, fu inizialmente utilizzato per le rappresentazioni teatrali, ma durante la successiva epoca romana fu utilizzato anche per i combattimenti dei gladiatori.

23. Torre di Ercole

https://maps.google.com/?ll=43.385834,-8.406389&z=13

(VEDI MAPPA)

Situata nella Spagna nord-occidentale, la Torre di Ercole è un antico faro romano che si pensa sia stato modellato sul faro di Pharos di Alessandria. La torre è in uso costante dal II secolo ed è considerata il più antico faro esistente al mondo. Originariamente era costruito con una rampa ascendente che cingeva i suoi lati, perché i buoi portassero i carri di legna per mantenere la luce accesa durante la notte. Nel 1788 l'originale torre a 3 piani di 34 metri (112 piedi) fu restaurata in stile neoclassico, incluso un nuovo quarto piano di 21 metri (69 piedi).

22. Foro di Jerash

https://maps.google.com/?ll=32.277477,35.890728&z=18

(VEDI MAPPA)

Il quasi unico Forum ovale di Jerash è circondato da un bel colonnato, una lunga strada colonnata, due teatri (il Grande Teatro Sud e il più piccolo Teatro Nord), due terme, una manciata di piccoli templi e un circuito quasi completo di mura cittadine. La maggior parte di questi monumenti sono stati costruiti grazie alle donazioni dei ricchi cittadini della città.

21. Vallo di Adriano

https://maps.google.com/?ll=55.024166,-2.292500&z=13

(VEDI MAPPA)

Il Vallo di Adriano fu costruito dai romani per proteggere la loro colonia Britannia dalle tribù scozzesi. Si estende per 117 chilometri (73 miglia) attraverso il nord dell'Inghilterra dal Mare d'Irlanda al Mare del Nord. La costruzione iniziò nel 122 d.C. in seguito a una visita dell'imperatore romano Adriano e fu in gran parte completata entro sei anni. Il muro era presidiato da circa 9.000 soldati, tra fanteria e cavalleria. Oggi sono visibili solo tratti di questa famosa cinta muraria.

20. Teatro di Aspendos

https://maps.google.com/?ll=36.938931,31.172123&z=13

(VEDI MAPPA)

Il teatro di Aspendos fu costruito nel 155 d.C. durante il regno dell'imperatore romano Marco Aurelio e poteva ospitare da 15.000 a 20.000 spettatori. Poiché l'area del palcoscenico fu in seguito utilizzata come caravanserraglio (una locanda lungo la strada) ai tempi di Seljuk, fu continuamente riparata e mantenuta. Così, il Teatro di Aspendos è riuscito a sopravvivere fino ai giorni nostri senza perdere quasi nessuna delle sue qualità originali.

19. Curia Giulia

https://maps.google.com/?ll=41.892933,12.485403&z=18

(VEDI MAPPA)

Curia Julia è il terzo Senato dell'antica Roma. La costruzione fu iniziata nel 44 a.C. quando Giulio Cesare sostituì la Curia Cornelia ricostruita da Fausto Cornelio Silla, che a sua volta aveva sostituito la Curia Ostilia. Il lavoro, tuttavia, fu interrotto dall'assassinio di Cesare e alla fine fu terminato dal successore di Cesare Augusto nel 29 a.C. Da allora l'edificio romano è stato più volte restaurato. Dal 284 al 305 la Curia fu ricostruita dall'imperatore Diocleziano. Sono i resti dell'edificio di Diocleziano che si trova oggi.

18. Maison Carree

https://maps.google.com/?ll=43.838333,4.356111&z=18

(VEDI MAPPA)

La Maison Carrée, situata a Nimes, fu costruita nel 16 a.C. dal generale romano Marco Vipanio Agrippa, e fu dedicata ai suoi due figli, entrambi morti giovani. È uno dei templi romani meglio conservati al mondo.La Maison Carrée deve il suo eccezionale stato di conservazione al fatto che fu trasformata in chiesa cristiana nel IV secolo, salvandola dalla distruzione. Fu anche municipio, stalla, magazzino e infine museo.

17. Bosra

https://maps.google.com/?ll=32.517696,36.481556&z=13

(VEDI MAPPA)

Bosra fu conquistata dai Romani nel 106 d.C. che ne fecero la capitale della loro provincia d'Arabia. Il teatro di Bosra fu costruito nel II secolo d.C. e poteva ospitare fino a 15.000 persone. Poiché una fortezza fu costruita intorno al teatro dagli Ayyubidi, è ora uno dei teatri romani meglio conservati al mondo.

16. Villa Romana del Casale

https://maps.google.com/?ll=37.364723,14.334722&z=18

(VEDI MAPPA)

Villa Romana del Casale è una villa romana edificata nel primo quarto del IV secolo. La villa custodisce la più ricca, vasta e complessa collezione di mosaici romani al mondo. Il mosaico più famoso è "le ragazze in bikini" che raffigura donne che praticano sport tra cui sollevamento pesi, lancio del disco, corsa e giochi con la palla.

15. Castel Sant'Angelo

https://maps.google.com/?ll=41.903065,12.466355&z=18

(VEDI MAPPA)

Il Mausoleo di Adriano, comunemente noto come Castel Sant'Angelo, è un imponente edificio cilindrico a Roma, inizialmente commissionato dall'imperatore romano Adriano come mausoleo per sé e la sua famiglia. Le ceneri di Adriano furono deposte qui un anno dopo la sua morte nel 138, insieme a quelle della moglie Sabina e del primo figlio adottivo. In seguito qui furono collocate anche le spoglie degli imperatori successivi, l'ultima deposizione documentata fu Caracalla nel 217. Il monumento fu poi utilizzato come fortezza e castello, ed è oggi un museo.

14. Biblioteca di Celso

https://maps.google.com/?ll=37.939140,27.340750&z=18

(VEDI MAPPA)

La città di Efeso un tempo era famosa per il Tempio di Artemide, una delle sette meraviglie del mondo antico, distrutto da una folla guidata dall'arcivescovo di Costantinopoli nel 401 d.C. Alcune delle strutture sono tuttavia ancora visibili tra cui il Teatro Grande e la Biblioteca di Celso. La biblioteca fu costruita intorno al 125 d.C. per conservare 12.000 rotoli e per fungere da tomba monumentale per Celso, governatore dell'Asia. La facciata è stata accuratamente ricostruita negli anni '70 fino allo splendido stato attuale dai pezzi originali.

13. Arena romana ad Arles

https://maps.google.com/?ll=43.677711,4.630908&z=18

(VEDI MAPPA)

L'Arena Romana è una delle attrazioni turistiche più popolari della città di Arles. Fu costruito intorno al I secolo a.C. ed era in grado di ospitare oltre 20.000 spettatori su tre livelli. Dal 1830 fino ai giorni nostri l'arena è stata utilizzata per ospitare le corride, che i romani avrebbero sicuramente approvato in quanto è solo leggermente meno brutale delle corse dei carri e dei sanguinosi combattimenti corpo a corpo di cui godevano loro stessi.

12. Anfiteatro Nmes

https://maps.google.com/?ll=43.834866,4.359622&z=18

(VEDI MAPPA)

Costruita alla fine del I secolo d.C. per ospitare 24.000 spettatori, l'Arena di Nîmes era uno dei più grandi anfiteatri romani della Gallia. Durante il medioevo fu costruito un palazzo fortificato all'interno dell'anfiteatro. In seguito si sviluppò all'interno dei suoi confini un piccolo quartiere, con 700 abitanti e due cappelle. Nel 1863 l'arena fu ristrutturata per fungere da arena e oggi ospita due corride annuali e altri eventi pubblici.

11. Palmira

https://maps.google.com/?ll=34.560001,38.267223&z=13

(VEDI MAPPA)

Per secoli Palmira è stata un'importante e ricca città situata lungo le rotte carovaniere che collegavano la Persia con i porti mediterranei della Siria romana. C'è molto da vedere nel sito oggi, tra cui l'enorme Tempio di Bel, l'arco monumentale e il colonnato che un tempo consisteva di 1.500 colonne corinzie.

10. Acquedotto di Segovia

https://maps.google.com/?ll=40.948002,-4.117700&z=18

(VEDI MAPPA)

Costruito probabilmente intorno al 50 d.C., l'Acquedotto di Segovia è uno dei monumenti romani meglio conservati della penisola iberica. L'antico acquedotto trasporta l'acqua per 16 km (10 miglia) dal fiume Frío a Segovia ed è stato costruito con circa 24.000 massicci blocchi di granito senza l'uso di malta. La porzione fuori terra è lunga 728 metri (2.388 piedi) ed è composta da 165 archi alti più di 9 metri (30 piedi). È il simbolo più importante di Segovia e forniva ancora acqua alla città nel XX secolo.

9. Arena di Pola

https://maps.google.com/?ll=44.873192,13.850239&z=18

(VEDI MAPPA)

L'anfiteatro di Pola è la sesta più grande arena romana sopravvissuta e uno dei monumenti romani antichi meglio conservati in Croazia. L'Arena di Pola fu costruita intorno al I secolo d.C. e poteva ospitare oltre 26.000 spettatori. Nel XV secolo molte pietre furono prese dall'anfiteatro per costruire case e altre strutture intorno a Pola, ma fortunatamente questa pratica fu interrotta prima che l'intera struttura fosse distrutta. Oggi è utilizzato per ospitare una varietà di festival e spettacoli durante i mesi estivi.

8. Arena di Verona

https://maps.google.com/?ll=45.438889,10.994167&z=18

(VEDI MAPPA)

L'Arena di Verona è il terzo anfiteatro più grande del mondo sopravvissuto all'antichità romana. Il suo anello esterno di calcare bianco e rosa fu quasi completamente distrutto durante un grave terremoto nel 1117, ma la parte interna è ancora sorprendentemente ben conservata. L'Arena di Verona fu costruita nel 30 dC e poteva ospitare 30.000 spettatori. L'anfiteatro romano è stato utilizzato ininterrottamente nei secoli per ospitare spettacoli e giochi: combattimenti di gladiatori in epoca romana, tornei nel Medioevo e dal XVIII secolo fino ai giorni nostri l'arena è lo scenario degli spettacolari spettacoli lirici veronesi.

7. Palazzo di Diocleziano

https://maps.google.com/?ll=43.508057,16.438334&z=18

(VEDI MAPPA)

Il Palazzo di Diocleziano si trova in una baia sul lato sud di una breve penisola che si estende dalla costa dalmata e fu costruito dall'imperatore romano Diocleziano in preparazione del suo ritiro. Indebolito dalla malattia, Diocleziano lasciò la carica imperiale il 1 maggio 305 e divenne il primo imperatore romano ad abdicare volontariamente alla carica. Ha vissuto la sua pensione nel suo palazzo curando i suoi orti. Il suo palazzo divenne il cuore della moderna città di Spalato. Essendo i resti più completi al mondo di un palazzo romano, occupa un posto eccezionale nel patrimonio mediterraneo.

6. Anfiteatro di El Djem

https://maps.google.com/?ll=35.296371,10.706821&z=18

(VEDI MAPPA)

L'anfiteatro romano di El Djem è la terza arena più grande del mondo, dopo il Colosseo di Roma e il teatro in rovina di Capua. El Djem L'anfiteatro fu costruito all'inizio del III secolo dC in grado di ospitare 35.000 spettatori. La struttura rimase in buono stato fino al XVII secolo, quando le pietre dell'arena furono utilizzate per costruire il vicino villaggio di El Djem e trasportate alla Grande Moschea di Kairouan. Più recentemente e meno distruttivo è stato utilizzato per girare alcune scene del film vincitore dell'Oscar Gladiator.

5. Pont du Gard

https://maps.google.com/?ll=43.947300,4.535500&z=13

(VEDI MAPPA)

Il Pont du Gard (letteralmente ponte del Gard) è un acquedotto nel sud della Francia costruito dall'Impero Romano. In origine faceva parte di un canale di 50 km (31 miglia) che forniva acqua dolce alla città romana di Nimes. L'acquedotto è stato costruito interamente senza l'uso di malta. Le pietre dell'acquedotto - alcune delle quali pesano fino a 6 tonnellate - sono state tagliate con precisione per combaciare perfettamente eliminando la necessità di malta. Dal Medioevo al XVIII secolo, l'acquedotto fu utilizzato come ponte convenzionale per facilitare il traffico pedonale attraverso il fiume.

4. Pompei

https://maps.google.com/?ll=40.750999,14.487000&z=13

(VEDI MAPPA)

Il 24 agosto del 79 d.C. il vulcano Vesuvio eruttò, ricoprendo la vicina città di Pompei di cenere e terra, e successivamente preservando la città nel suo stato da quel fatidico giorno. Tutto, da barattoli e tavoli a quadri e persone, era congelato nel tempo. Il suo scavo ha fornito una visione straordinariamente dettagliata della vita delle persone che vivevano duemila anni fa.

3. Pantheon

https://maps.google.com/?ll=41.898602,12.476800&z=18

(VEDI MAPPA)

Uno degli edifici romani meglio conservati, il Pantheon fu costruito nel 126 d.C. come tempio per tutti gli dei romani. Il tempio ha servito come chiesa cattolica romana dal 7esimo secolo. Il Pantheon è costituito da un ampio portico circolare con tre ordini di enormi colonne corinzie di granito. Il portico si apre in una rotonda sormontata da una cupola in cemento con un'apertura centrale: l'oculo. Quasi duemila anni dopo la sua costruzione, la cupola del Pantheon è ancora la più grande cupola in cemento non armato del mondo.

2. Baalbek

https://maps.google.com/?ll=34.006943,36.203888&z=13

(VEDI MAPPA)

Baalbek, chiamata anche Heliopolis, è uno spettacolare sito archeologico nel nord-est del Libano. Dal I secolo aC e per un periodo di due secoli, i romani costruirono qui tre templi: Giove, Bacco e Venere. Creato per essere il più grande tempio dell'impero romano, il tempio di Giove era fiancheggiato da 54 massicce colonne di granito ciascuna delle quali era alta 21 metri (70 piedi). Solo 6 di queste colonne titaniche rimangono in piedi, ma anche loro sono incredibilmente impressionanti. Il tempio meglio conservato del sito è il Tempio di Bacco costruito nel 150 d.C.

1. Colosseo

https://maps.google.com/?ll=41.890167,12.492269&z=18

(VEDI MAPPA)

Il Colosseo di Roma è il monumento più grande e famoso del mondo romano. La costruzione dell'anfiteatro fu iniziata dall'imperatore Vespasiano della dinastia dei Flavi nel 72 d.C. e terminata dal figlio Tito nell'80 d.C. Durante le cerimonie di apertura del Colosseo, si sono tenuti spettacoli per 100 giorni in cui sono stati uccisi 5.000 animali e 2.000 gladiatori. Il Colosseo era in grado di contenere circa 50.000 spettatori che potevano entrare nell'edificio attraverso non meno di 80 ingressi.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Categoria: